La risoluzione e il colore nel design della televisione

La risoluzione di una televisione standard è normalmente minore di quella permessa da un monitor pc (800 x 600 o superiore).

La tv ad alta definizione (HDTV), invece, vanta ottimi rapporti di risoluzione, che parte da 1280 x 720 pixel e raggiunge i 1920 x 1080 pixel.

HDTV sostituisce i pixel rettangolari della tv standard con pixel quadrati 4,5 volte più piccoli. Per via di questa caratteristica in comune con il monitor pc, l’HDTV è più compatibile con la grafica da computer in termini di progettazione immagine e fattori di distorsione.

Progettando sul computer un’interfaccia destinata alla televisione, si considera che la risoluzione otticamente idonea per il formato standard 4:3 è 768 x 576 pixel. La digitalizzazione ha apportato nell’ambito televisivo la scansione progressiva dell’immagine, tecnica che si è affiancata alla canonica scansione per interlacciamento che ha dominato la visualizzazione analogica.

La visualizzazione di un’immagine ottenuta con scansione interlacciata può risultare affetta dall’effetto flicker (sfarfallio): per questo motivo oggetti grafici e immagini per la televisione non devono essere di dimensioni troppo minute (non meno di 3 pixel di larghezza) se non si vuole rischiare di renderle impossibili da vedere correttamente. Inoltre non è consigliabile destinare alle condizioni di visualizzazione televisiva standard immagini con un alto grado di dettaglio, il quale sarà soggetto a sfocature.

Il colore nel tv design

Gli schermi televisivi hanno una gamma cromatica globale molto limitata rispetto ai monitor pc mentre consentono valori superiori per le altre caratteristiche come saturazione, luminosità e contrasto. La progettazione corretta per la visualizzazione televisiva raccomanda immagini attenuate e desaturate: la grafica, se interessa vaste regioni dello schermo, deve sfruttare i valori di trasparenza a partire da colori freddi e a bassa saturazione, di cui si è osservato un miglior funzionamento in ambito televisivo.

Per evitare gli effetti di distorsione associati al colore (azzurramento, sbavature, flicker, macchiature, ecc.) gli oggetti grafici televisivi non possono eccedere nei valori di luminosità, oscuramento, saturazione. Di solito la massima luminosità sopportabile ammonta all’85% della scala.

Un modo per evitare effetti indesiderati nella visualizzazione di colori giustapposti è quello di mantenere tutti i valori del modello cromatico standard (RGB) nel range compreso tra un valore minimo di 16 e uno massimo di 235. Alcuni software di grafica (come Adobe Photoshop) consentono al designer di lavorare direttamente con i settaggi cromatici RGB idonei per le immagini televisive.

Comments are closed.

Proudly powered by WordPress
Theme: Esquire by Matthew Buchanan.